Come Fare lo Scrub

Se invidiate la pelle delle modelle sulle riviste patinate sappiate che molto spesso oltre ad essere frutto di un buon lavoro di photoshop c’è dell’altro, tanto splendore è dovuto ad una buona idratazione. Idratare la pelle vuol dire fornirle i nutrienti giusti che ne preservano l’elasticità, il turgore e la luminosità.

Occorre quindi che gli elementi spesso contenuti nelle creme, nei sieri o nei fluidi che applichiamo nono riescano a penetrare oppure siano poco efficaci, uno dei motivi spesso è da ricercare in una scarsa capacità di assorbimento dovuta alla presenza di cellule morte.

Come ovviare a questo problema? Purificando la nostra pelle attraverso la tecnica dello scrub altresì detto gommage o peeling.

Lo scrub consente la rimozione delle cellule morte che la pelle non riesce ad eliminare durante la sua funzione di rinnovamento naturale, questo trattamento si effettua attraverso una leggera azione esfoliante sulle parti interessate viso o corpo.

I prodotti per lo scrub sono facilissimi da reperire si trovano non solo in profumerie ma anche nei supermercati: il principio è lo stesso una base detergente a cui sono stati aggiunti microgranuli, sferette di polietilene, noccioli di frutti polverizzati e ben levigati, semi polverizzati, granuli di sale in particolare del Mar Morto.

Questi prodotti sono molto indicati per pelli ruvide che necessitano di un’azione esfoliante intensa, in punti particolari del corpo esempio talloni e gomiti.

Per le pelli delicate sono indicate le creme con una base di argilla che una volta applicate si lasciano seccare e poi si eliminano sotto forma di trucioli, molto indicate per le pelli sensibili.

Esistono poi scrub a base di acidi, spesso vengono chiamati peeling dolci e si ottengono dagli acidi della frutta come quello glicolico (canna da zucchero) melico (dalla mela) tartarico (dall’uva). Si applicano sulla pelle in una soluzione specifica con una percentuale che va dal 20 al 70% e permettono di eliminare impurità, cellule morte e attenuare i segni del tempo.

Per quelle che amano un’estetica più naturale, è possibile preparare lo scrub anche a casa, ecco due tipologie per pelli grasse: sciogliete un panetto di lievito di birra con qualche goccia di olio di mandorle dolci, aggiungete del sale grosso meglio biologico, formate una crema morbida e applicatelo con un massaggio circolatorio sulle parti interessate, lasciatelo per qualche minuto, risciacquate con acqua tiepida e completate il trattamento con qualche goccia di olio di Argan che massaggerete delicatamente, eseguite una volta a settimane e i risultati non si faranno attendere.

Se la vostra pelle è sensibile unite allo yogurt naturale un cucchiaio di zucchero di canna applicatelo sulle zone interessate, usatelo come un sapone, anche sulla bocca, tenetelo in posa per cinque minuti lavate e anche in questo caso utilizzate qualche goccia di olio di Argan per nutrire la pelle